Category Archives: Italian Prisoners of War North Africa

Camp 379 Qassassin

Prisoner of War Camp Quassassin was situated 35 kms by rail west of Ismalia on the Suez Canal; 230 kms SE of Alexandria and 74 kms from Geneifa.

On the map below, El Qassasin, Ismalia and Geneifa are identified.

(http://www.sunsandcanal.co.uk/canal-zone-map.html)

One Italian prisoner of war, Leonido Tassinari and his documentation assists us in understanding the journey of Italians serving with the navy at Tobruk.

Leonido Tassinari

Leonido was a gunner on the San Giorgio which was stationed in Tobruk Harbour when he was ‘captured’ on 22nd January 1941.

TOBRUK HARBOUR, 1941. ITALIAN GUNNERY TRAINING SHIP SAN GIORGIO WHICH WAS REDUCED TO A WRECK BY ATTACKS OF NAVAL AIRCRAFT AND RAF BOMBERS AT TOBRUK BETWEEN 1940-06 AND JANUARY 1941. (AWM Image P00090.026)

Leonido was processed at Quassassin on 5th March 1941.  His form is stamped in Geneifa Camp 15th September 1941. 

On 24th September Leonida and 988 other Italian prisoners of war boarded the Queen Mary. Around this same time, 948 Italian prisoners of war boarded the Queen Elizabeth.

Elio Spandonari

Elio Spandonari also served in the Italian navy at Tobruk. He wrote that from the Tobruk airfield which was used as a temporary prisoner of war compound, a group was taken to the port of Tobruk and boarded on a rusty boat.  The boat landed the men in Alexandria and they were taken to a concentration camp near the sea which was guarded by Polish soldiers*.  After a short stay, a group of marines were taken to a camp near Ismailia: El Quassassin (El Kassassin). Elio recalls that after many months, he was transferred to a camp close to Suez then the men in total about 2000 were transferred to the Port of Suez to be boarded on a ship: destination unknown.

“Il traghetto procedeva lentamente, però man mano la cittadina di Suez incominciava a rimpicciolirsi sino a diventare una striscia continua e incolore. Le navi ferme alle boe furono sorpassate e davanti a noi e, al di fuori di un enorme scafo poco distante non vi era più nulla, solo mare aperto.

Mai più pensavamo che quello fosse il mezzo destinato a trasportarci verso la destinazione che finalmente ci avevano comunicato: Australia, terra così lontana. Altre incognite, si andava verso posti sconosciuti…

Quel grande scafo con tre grossi fumaioli con una grande ‘C’ (Cunard Line) era la nave destinata al nostro trasporto. Era la Queen Mary, allora il più grande transatlantico del  mondo, stazza 80000 tonnellate, una montagna di acciaio.” (from Diario per Laura by Elio Spandonari)

Together, Tassinari’s documents and Spandonari’s testimony provide a timeline from capture at Tobruk Libya to arrival at Cowra Prisoner of War Camp Australia.

Port Tewfik was where the Italians boarded a ferry to be taken to the Queen Mary. The Queen Mary departed Suez on the 24th September 1941.  It arrived in Ceylon at Trincomalee, a deep-water harbour on 1st October 1941.  On the 7th October 1941, the Queen Mary sailed into Fremantle Harbour Western Australia. Coming in through Sydney Heads and sailing under the Sydney Harbour Bridge, the Queen Mary disembarked her passengers on the 13th October 1941.

On the 14th October 1941, the first residents of Cowra Prisoner of War Camp arrived.

The Italian prisoners of war on the Queen Elizabeth arrived in Sydney on the 15th October 1941 and ‘marched in’ to Cowra Camp 16th October 1941.

Guerre 1939-1945. Nouvelle-Galles du sud, camp de Cowra. N°12, Section D. Les tentes. War 1939-1945. New South Wales, camp of Cowra, n°12, section D. The tents.

1st November 1941 Cowra PW Camp 12 Section D (ICRC V-P-HIST-01879-25)

Elio Spandonari, Ippolito Moscatelli , Leonido Tassinari Giuseppe Loprieno.

All four men served in the Italian Navy and were captured 21-22nd January 1941 at Tobruk.

There were a total of 339 marines from Tobruk on board the Queen Mary’s voyage to Australia in October 1941. It was almost nine months from the time the marines were captured to their arrival in Australia.

*Polish Independent Carpathian Brigade – a group of Polish soldiers, trained by the British in Latrun Palestine; they assisted the Australians and British during the Siege of Tobruk April 1941- December 1941.

In Libya…

Matteo Casdio has a remarkable collection of photos which belonged to his grandfather Marino.

Marino and his brother Mario were both captured on 11th December 1940 at the Battle of Sidi Barrani.

From the records, Marino served with the 81 Batt. CCNN [81st: Alberico da Barbiano (Ravenna). This battalion was part of the 21 Aprile Division. Mario served with the 250 Leg. CCNN. [part of the 3 Gennaio Division]

Marino and Mario Casadio in Libya (photos courtesy of Matteo Casadio)

There was no consistency with information documented in the Australia records. For Marino and Mario the category on their card is SERVICE but the answers can be generic: Army, Battalion or Legion. Other forms have a category UNIT and the answers range from anti-aircraft, infantry, artillery, navy. Such is the complexity for Italian families trying to piece together the journey of their fathers and grandfathers.

The pieces of the puzzle slowly begin to fall into place. The Blackshirt Divisions are abbreviated as CCNN or CNN. Volunteers filled their ranks and MVSN refers to the Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale or Voluntary Militia for National Security. One report suggests that in 1940, the MVSN consisted of 340,000 first-line combat troops.

There were four divisions which served in North Africa: 1. 23 Marzo CCNN, 2. 28Ottobre CCNN, 3. 21Aprile CCNN and 4. 3 Gennaio CCNN.

In Italy

Marino Casadio and friends at a training camp in Italy (photo courtesy of Matteo Casadio)

Preparations for War

Marino was a soldier with the 21 Aprile Division while Mario served with the 3Gennaio Division. Both divisions had arrived in Taguria [Tajura/Tajoura] Libya in 1939 which is 14500km west of Sidi Barrani.

One of Marino’s photos is identified as being taken at Derna Libya.  Derna is 400 km east of Sidi Barrani and from June 1940 suffered aerial attacks by the British with bombs landing at an aerodrome and the jetty. Derna was one of Italian military staging camps in Libya and housed motor parks, garages, petrol dump, barracks and a police HQ.

A 12th October 1939 photograph from Crociani and Battistelli’s The Blackshirts shows men from the 71st Blackshirt Battalion marching between Derna and Martuba.

According to Crociani and Battistelli, the 21 Aprile was disbanded in May 1940 and used to replenish the other three divisions.  The 81st Battalion replaced the 154 Battalion from the 3 Gennaio. This meant that Marino and Mario were now serving together in the 3 Gennaio.

Marino at Derna Libya (photo courtesy of Matteo Casadio)

At War

The Libyan Blackshirt divisions were part of the 10th Army’s invasion of Egypt in September 1940.

The Italian army advanced 75 miles in five days from Libya to take Sidi Barrani in Egypt. This advance was spearheaded by the Blackshirt divisions.

It was reported:

General Graziani now appears to have as many troops as he can handle in Egypt and is concentrating on the supply situation, particularly water.

Tank wagons and barrel laden lorries lumber across the dusty tracks.

There is no other explanation of General Grazani’s sudden aggression in the extremely unfavourable climatic and strategic conditions. September is one of the hottest months in tile western desert. Each soldier needs a daily ration of two thirds of a gallon of water, all of which must be carried on lorries. The machines need several gallons a day. The Italian tanks are not as good as the Germans used in France and the fine dust of the desert is an inveterate enemy on the land.

GENERAL’S BOAST

General Graziani, however, boasts that he and his men marched and

fought on only a litre of water a day. His report to Rome states: “British and Egyptian military authorities claimed that it was impossible to transport over 20,000 men. They declared that our expedition had only a 20 to 1 chance of getting through and then only between November and March. They also declared that only a few mechanised cars could go through, but we got through 2000.”

Despite General Graziani’s confidence, the Italians are suffering severely

from the unceasing bombardment from the land, sea and air which is taking heavy toll of men and machines and causing havoc among the supply convoys.

1940 ‘MISTAKE IN HURRIED ENTRY TO SIDI BARRANI’, Border Morning Mail (Albury, NSW: 1938 – 1949), 21 September, p. 1., viewed 15 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article255030685

Capitulation

The Allies under the command of General Wavell launched Operation Compass on 9th December 1940 to reclaim Egyptian territory from the Italian forces and advance into Libya.

During the day of 11th December 1940, one group after another of the 1st Libyan and 4th Blackshirt Division [3Gennaio] surrendered. For Marino and Mario, the war was over.

The Battle of Sidi Barrani

(https://www.ibiblio.org/hyperwar/UN/UK/UK-Med-I/UK-Med-I-14.html)

13th December 1940 Sidi Barrani – the only thing left standing complete in Barrani was this monument proudly commemorating the liberation of Libya by the Italians (AWM Image 004418 Photographer: F. Hurley)

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 4

15-7-41 . . .Questa mattina ci siamo imbarcati per destinazione ignota. Naturalmente le voci che corrono sono molte. Alcuni dicono ci portano in Sud Africa, altri in India ed altri ancora in Australia. Dovunque si vada sarà sempre meglio che rimanere nel deserto. Tutti noi siamo pieni di diversi sentimenti, sappiamo che questo viaggio significa allontanarsi ancora di più dalle nostre famiglie e nessuno sa per quanto tempo, però siamo  anche pieni di quello spirito di avventura che si ha quando si parte per terre nuove e sconosciute e comunque la cosa più importante è che questo viaggio rompe la monotonia della prigionia ed aiuterà certamente il tempo a passare più in fretta. La vita a bordo, benché soggetti a stretta disciplina è abbastanza buona abbiamo da mangiare a volontà e siamo trattati bene, possiamo passeggiare sul ponte e l’aria di mare ed il riposo sta facendo bene a tutti e specialmente da un punto di vista nervoso è un gran calmante. Di notte nell’oscurità più completa, alcune volte si pensa che disastro sarebbe, se dovessimo essere silurati, ma d’altro canto ò meglio cercare di non pensarci e sperare sempre per il meglio. La vita è naturalmente sempre la stessa e siamo privi di qualsiasi notizia, chi sa quando riceverò ancora posta da casa, forse mesi e mesi passeranno prima che i miei sappiano se sono morto o vivo e prima che ricevano posta da me ed io da loro. Questa è la parte più brutta, il pensare alle sofferenze di mia moglie e di tutti i miei che chissà per quanto tempo saranno nell’incertezza. Bisogna proprio cercare di essere filosofi, tutto è destinato a finire e bisogna cercare di avere fiducia anche nelle ore più nere. Sto pensando di cominciare a studiare l’inglese, mi aiuterà certamente a passare il tempo e può darsi che mi possa essere utile in futuro, c’è un proverbio che dice, non tutti i mali vengono per nuocere, ed allora certe volte comincio a sognare ad occhi aperti e dopo la prigionia mi vedo stabilito con la mia famiglia in una di queste terre lontane di cui qualche volta avevo sentito parlare da paesani che erano tornati al paese a fare un viaggio e per far vedere che avevano fatto fortuna. E’ bello sognare perchè si dimentica il presente e si ha una speranza per l’avvenire, che alcune volte se si vuole veramente guardare in faccia sembra così nero che mette paura. Fra di noi vi è un soldato che è stato qualche anno in America e che parla l’inglese, domani gli voglio domandare che cominci a darmi alcune lezioni. Sarebbe interessante poter parlare con le sentinelle inglesi e vedere che cosa pensano e quale è loro attitudine, sono degli uomini e dei lavoratori come me, sono sicuro che se potessi parlare sarebbe molto interessante ed anche un grande aiuto.

15-8-’41 … E’ passato giusto un mese da quando ho scritto l’ultima volta su questo diario, il fatto è che non ho avuto niente di eccezionale che mi spingesse a rompere l’apatia e la pigrizia per prendere la penna in mano. Siamo passati da Capetown, ma naturalmente dato che proseguivamo non ci hanno fatto sbarcare e quindi a parte del porto non abbiamo visto niente altro. Appena arrivati credevamo che finalmente eravamo giunti a destinazione, ma invece dagli ordini che ricevemmo era evidente che si andava ancora avanti. Dove? Adesso il Sud Africa era escluso e rimaneva soltanto o l’India o l’Australia. Vedremo se ci fermeremo in India o se proseguiremo ancora. Fra pochi giorni lo sapre mo perchè la voce córre che saremo presto in Bombay.

Guerre 1939-1945. Bangalore. Groupe I. Camp no 1 de prisonniers de guerre italiens. Détenus devant leur tente. Word War II. Bangalore. Group I. Italian prisoners of war camp 1. Detainees in front of their tent. Au fond, un autel construit par les prisonniers.

Word War II. Bangalore. Group I. Italian prisoners of war camp 1. Detainees in front of their tent. (ICRC Image V-P-HIST-03469-04)

NB No transports of Italian prisoners of war arrived in Australia in September 1941. ‘Nonno’ would have disembarked at Bombay.

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 3

Be killed or surrender…

28-5-41 . . . Che giornate. Credevo di averne passate abbastanza, ma invece mi sbagliavo. Ieri mattina un pò prima che facesse giorno stavo dormendo come meglio potevo, quando l’armata inglese cominciò ad avanzare contro di noi. Eravamo in una posizione disperata, male armati, rimasti con poche munizioni e mangiare quasi per niente. Davanti a noi avevamo l’esercito inglese che avanzava inesorabilmente e di dietro l’esercito nazista pronto a mitragliarci se ci ritiravamo. Credo che gli stessi pensieri si presentarono alla mente di ognuno di noi: avevamo tre alternative, due erano di farsi ammazzare come stupidi sia resistendo  o ritirandosi,  l’altra di arrendersi e diventare prigionieri. Nessuno resistette e quasi nessuno si ritirò, abbandonammo le nostre inutile  armi, alzammo le mani ed i tanksinglesi seguiti dalla fanteria proseguirono per la loro strada. Non fui stupito di vedere che fra le migliaia di coloro che si erano arresi vi erano anche molti di coloro che a parole si spaccìavono per fanatici fascisti ed avevano più volte ripetuto che avrebbero combattuto fino alla fine per il loro  duce. Vi erano battaglioni complete di camicie nere, in mezzo a tanta miseria fu l’unica cosa che mi portò il sorriso sulle labbra: anche I campioni di Mussolini preferivano la prigionia alla morte del topo! E’ ben differente mettersi una uniforme’ risplendente con gli stivali lucidi e poter così più facilmente conquistare una ragazza, fare il saluto fascista ed il burrattino e pavoneggiarsi per le vie della città o del paese, che combattere e farsi ammazzare dopo essere rimasti  senza acqua, senza cibo e senza munizioni. Bisogna vederle adesso le baldanzose camicie nere che volevano conquistare il mondo.

Dove sono le belle uniformi e gli stivali e l’oro e l’argento dei loro gradi? Sono sporchi, pieni di sabbia, assetati, affamati, avviliti nella loro sconfitta, sono perfino più umili di noi, la loro arroganza è scomparsa, ma spero che non mi mettano insieme a loro perchè so che sono dei vigliacchi e forse domani quando si troveranno di nuovo dietro la sicurezza dei fili spinati la loro attitudine potrà ridiventare quella di prima, perchè questa è la prerogativa dei fascisti: grandi parole, e fatti quando sono almeno in venti contro uno, se la posizione è appena appena in loro sfavore sono peggio dei conigli. Come sono avvelenato, scrivo perchè ho bisogno di sfogarmi, se no scoppio. Siamo ammassati come le pecore, siamo ancora senz’acqua e senza mangiare, lo scrivere mi aiuta a passare il tempo, siamo tanti che evidentemente gli inglesi non possono immediatamente sistemarci e darci condizioni migliori, l’unica speranza è che ci mandino al più presto via da questo deserto, il giorno in cui potrò ancora bere acqua a volontà credo sarà il più bel giorno della mia vita. Che tormento avere le labbra gonfie e screpolate, la gola secca e gonfia, solo poter avere un pù d’acqua. Acqua, acqua, mai avevo pensato così tanto ad una parola “acqua” una parola che dà l’ideadi un liquido fresco che rinfresca, che dà la vita, la vedo davanti agli occhi, la vedo in tutte le forme, vedo fiumi di acqua, vedo bicchieri pieni di acqua, vedo caraffe piene di acqua e ghiaccio, sono vicino a me, sono lì per me . . . basta che allunghi la mano e sono mie . . . ma no io sto scrivendo . . . sto delirando, sono un prigioniero, sono nel deserto, sono un soldato di Mussolini, ma no … io non sono un soldato di Mussolini, ed allora rido . ; . si, sto scrivendo ancora e rido, rido . . . rido … e le mosche, milioni di mosche volano intorno a me e sono sopra a me: nelle orecchie, negli occhi, sulla faccia, le mosche mi coprono … mi seppelliscono cerco di prendere aria e mi entrano in bocca … la mia mente è distaccata dal mio corpo, non sono io che scrivo, non posso essere io che scrivo, come posso ancora scrivere? Guardo . . .

29-6-41 . . . Sono in ospedale, mi hanno ridato le cose personali che avevo con me e con meraviglia mi hanno anche ridato il mio diario. Ho riletto le ultime pagine, evidentemente devo essere svenuto e qualche compagno me lo mise in tasca. Non ricordo assolutamente niente, mi dicono che mi hanno portato qui più morto che vivo e che sono rimasto giorni e giorni senza conoscienza. Sono ancora molto debole, ma posso scrivere ed ho sempre vicino a me un bicchiere pieno d’acqua, che buona che è l’acqua. Corrono voci che ci imbarcheranno presto per destina zione ignota. Vedremo che cosa succederà. Sono molto stanco, bisogna che smetta.

One week after the Italian soldier is taken to hospital the following newspaper article is published:

1941 ‘HEAT STOPS WAR IN LIBYA’, The Newcastle Sun (NSW : 1918 – 1954), 7 June, p. 1. , viewed 18 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article167450892

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 2

At War…

20-5-41 . . . Ieri sera arrivammo al fronte. Ci hanno messo gli uni sopra agli altri in un camion, senza acqua, e così viaggiammo per ore ed ore. Che caldo e che sete. Il vento soffiava a più non posso e la sabbia penetrava dapertutto, in bocca, nelle orecchie, nel naso, sotto la camicia ed i calzoni, sabbia, sabbia e niente acqua. Tutto era disorganizzato, ordini e contrordini, non si sapeva mai dove sì era e dove si andava.

Più ci avvicinavamo al fronte e più si vedevano camions di feriti andare agli ospedali nelle retrolinee. Quanta miseria, che depressione. Finalmente arrivammo in un posto dove vi erano altre migliaia di soldati accampati alla bene e meglio e ci dettero l’ordine di smontare e di sistemarci come potevamo. Fui fortunato di trovare due paesani che erano già là da qualche piorno e ripresi un pò di coraggio, mi accompagnarono a mangiare qualche cosa e mi raccontarono le ultime notizie che correvano con grande segretezza di bocca in bocca. Abbassando la voce e dopo essersi ben guardati intorno che nessuno potesse sentire mi dissero che molti italiani si davano prigionieri, le condizioni erano sempre più brutte, acqua non ve ne era, mangiare poco e male armati, il morale diventava sempre più basso e anche quelli che erano venuti con grande spirito cominciavano ad essere stanchi. Domani mattina probabilmente andremo a prendere posizione sulla linea di fuoco, vedremo, è meglio levarsi il pensiero piuttosto che rimanere in questa incertezza. Non so cosa fare con questo diario.  Se me lo trovano che cosa farò? Son capaci di fucilarmi. E’ meglio che non ci penso, mi sembra di diventare matto. Tanto soffrire perchè. Se almeno ci fosse una ragione lo sopporterei meglio, bisogna che proprio mi forzo a non pensare, bisogna che penso a qualche altra cosa, a mia moglie, alla mia famiglia, alla mia casa, a qualsiasi cosa, basta che non penso perchè mi trovo qui.

25-5-41 . . . Mentre scrivo queste parole mi trema la mano, per la rabbia, per la paura e per la debolezza. Ieri sera per la prima volta vidi esseri umani, i cosidetti uomini civilizzati ammazzarsi uno con I l’altro. Che disastro, che impressione vedere gli uomini diventare bestie, vedere gli istinti più bassi sovrapporsi a quelli migliori. Di venta una questione di uccidere od essere ucciso in poche parole meglio luì che io, in quei momenti non si ha tempo di pensare, è solo più tardi che si pensa ed è interessante vedere che anche quelli che prima non si erano mai domandati perchè erano venuti a combattere, ma avevano seguito con cieca fiducia gli ordini dei loro superiori, adesso cominciano a pensare. Vedono il sangue che bagna la sabbia, vedono i corpi immobili con la faccia distorta nella sofferenza prima della morte, è lo stesso sangue, sono gli stessi corpi, amici e nemici . . . Perchè nemici? Sono lavoratori del mondo, siamo tutti fratelli lavoratori del mondo, è il nostro sangue che bagna le sabbie del deserto. Che manicomio! Sono i nostri ufficiali diventati matti? Ieri sera alle ore 8.50 i tanks inglesi avanzavano contro le nostre posizioni. Alle ore 9 precise, armati con un pugnale fra i denti ed una bottiglia di benzina in mano ci ordinarono di andare all’assalto contro i tanks. Miracoli in questa parte del mondo non ne succedono, che macello. Ci mitragliavano e ci uccidevano come mosche, vedevo i miei compagni cadere una dopo l’altro, ancora non so come mi sono potuto salvare, si vede che non era destinato che dovessi morire, ricordo soltanto che ad un certo momento quei pochi di noi che ancora rimanevano, si ritirarono in gran fuga. Che manicomio davvero! Durante la Guerra d’Abissìnia molti ridevano quando leggevano sui giornali che gli Abissini attaccavano i nostri tanks armati di pugnali, ed ora noi ripetiamo esattàmente la stessa operazione. Dov’è il più formidabile esercito del mondo? Otto milioni dì baionette che conquisteranno il mondo sotto la guida del Duce. Quante volte ho sentito queste parole, e ieri sera mi ritornavano in mente e le maledicevo, ci voglio no altro che baionette per conquistare il mondo! E’ proprio un’ironia che armati di baionette ci mandano al macello. Per il momento siamo noi che soffriamo, ma verrà il giorno in cui il duce e tutta la sua squadra di criminali se ne pentirà e pagherà.

c. September 1941 Libya TOBRUK. A PATROL OF MATILDA INFANTRY TANKS MK II WITH ONE LIGHT TANK MK 6B. THESE HAVE ALREADY DONE MUCH VALUABLE WORK IN THE DESERT. (AWM Image 009952)

Diario di un Prgioniero di Guerra Italiano in Australia 1

Australia 27th June 1945 and Il Risveglio [an Australian Italian language newspaper] publishes and extract from the diary of an Italian prisoner of war.

There is no mention of the Italian’s name nor the name of his home town. I will call him ‘nonno’.

Let us walk in the footsteps of this Italian soldier as ‘nonno’ writes about his departure from Naples…

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano IN AUSTRALIA

7-9-40 . . . Ieri sera lasciammo Napoli. La nostra nave trasporto circondata da incrociatori e caccia torpendiniere mandava gli ultimi fischi di partenza. Eravamo in migliaia sulla nave e tutti eravamo raggruppati sul ponte a guardare la costa allontanarsi lentamente, ognuno di noi lasciava le cose più care e tutti silenziosamente ci domandavamo se le vedremo ancora.

Mogli, madri, figli l’amici e case. Il mio cuore batteva velocemente, sembrava che con la sua forza mi potesse riportare a terra vicino ai miei cari, ma ciò era impossibile, eravamo alla fine, meglio così, gli ultimi giorni prima della partenza erano stati un continuo strazio: mia moglie sveni nelle mie braccia due ore prima che mi imbarcassi, mia madre e mia sorella piangevano come due bambine, ed io tremavo per la rabbia . . . parlavo ma non sapevo quel che dicevo. Tre giorni eravamo rimasti a Napoli prima della partenza, tre giorni di dolore che passarono velocemente, tre giorni che mi riportarono alla mente con sempre pli forza la rabbia accumulata e soppressa nel mio petto in tutti gli anni di lotte e schiavitù sotto i pardoni fascisti.

Ed ora i fascisti concludevano la loro opera di distruzione, ci mandavano al macello come fossimo stati delle bestie. Volevo dormire, volevo dimenticare, ma invece pensavo . . .pensavo … il mio cervello sembrava volesse scoppiare, le idee si sovrapponevano l’una sull’altra e tutto era confusione, non potevo seguire una linea di pensiero, troppe immagini si presentavano simultaneamene alla mente, ma al di sopra di tutto questo vi era una parola che con monotona e costante insistenza si ripeteva e ripeteva, era come una goccia d’acqua che cadesse sempre sullo stesso punto nel centro della testa: “Perchè?” Perchè devo io essere l’istrumento di un pazzo che con le sue chiacchiere erède di poter diventare il padrone del mondo? Perchè devo io rischiare la mia vita per mantenere e rafforzare un Sistema che mantiene gli operai in oppressione? Perchè devo io andare a combattere degli altri lavoratori che sia pure consciamente od incosciamente combattono per mantenere la lore liberta? Ne, il pazzo di palazzo Venezia nè l’altro scimmiotto di Berlino riusciranno ad opprimere e vincere i lavoratori del mondo, uniti i lavoratori di tutto mondo distruggeranno le forze barbare del fascismo.

Guardai ancora una volta verso la costa Italiana che scompariva all’orizzonte ed espresso un desiderio: “Italia, mia terra di nascita dove mia moglie e la mia famiglia mi attendono, che al mio ritorno, se sarò così fortunato da poter tornare, io ti possi finalmente ritrovare libera dall’obbrobrio fascista.

3-5-41. Sono pochi mesi che siamo in Libia. Cosa ci accadrà? Nessuno sa niente, siamo a pochi chilometri dal fronte ma nessuno sa niente.

Qui la città è tutta piena di “animali”, come mi fanno ribollire il sangue questi scimpanzè con le camicie nere. Quante ne hanno io fatte e quante ancora ne stannofacendo. Non si può neppure andare in una sala da ballo se non si ha la tessera fascista. Ho rischiata la vita, ho provato la fame, e proprio ora dovrei dar loro questa soddisfazione? No, no, verrà il giorno in cui finirà la cuccagna per questi banditi, ed allora faremo i conti, mamma mia non so nemmeno io quanti conti devo aggiustare.’ Che 1a vita, vivo soltanto per ricevere la posta, poter leggere le lettere di mia moglie, leggerie e rileggerle e  poi sognare che tutto è finito, che finalmente risiamo uniti in un mondo migliore, ma son soltanto sogni e quando si torna alla realtà, il risveglio è ancora più brutto, la lotta sepre più difficile e più lunga, ma bisogna lottare e bisogna vincere. Le lettere di mio padre sonorare a vaghe, lui sa come il censore stia attento a ciò che si scrive, e lui vecchio antifascista deve fare uno sforzo enorme per trattenersi dal dire ciò che pensa, ma pur le sue lettere mi danno forza perchè io le so interpretare e capisco che anche in Italia lui ed altri come lui continuano a lavorare per lacausa e sperano . . . sperano.

TOBRUK, LIBYA. 1941-03 TO 1941-06. AN ITALIAN OBSERVATION LADDER AND TRIG POINT AT 41594263, IMMEDIATELY TO THE NORTH OF THE BARDIA ROAD. (AWM Image 020165 Photographer John S Cumpston)

Storia di un contadino italiano in Australia – parte 1: la cattura e l’inizio del viaggio

by Elena Fortini

Nella maggior parte dei libri di storia le migliaia di uomini catturati e fatti prigionieri durante i due conflitti mondiali che hanno segnato il Secolo breve figurano solo come numeri, una perdita inevitabile nell’economia di guerra. Eppure, si tratta di una parte non trascurabile del nostro passato: ogni uomo partito al fronte vi ha portato parte di sé, una storia nella Storia che non possiamo permetterci di dimenticare. Per questa ragione voglio raccontare la prigionia di mio zio Vincenzo, un modesto contadino cremonese che si è trovato a coltivare le immense distese australiane.

Vincenzo Ambrogio: Uncle of Elena Fortini (photo courtesy of Elena Fortini)

Vincenzo Ambrogi nasce il 5 settembre 1917 a Soncino, un piccolo borgo medievale in provincia di Cremona. Primo di 7 figli tra cui mia nonna Rosa, detta Carla, il 2 settembre 1938 viene chiamato alle armi in qualità di caporale nel 45° Reggimento Artiglieria Divisionale “Cirene”. Dopo un breve passaggio a Bari, l’11 settembre a Napoli si imbarca per la Libia; due giorni dopo sarà a Bengasi.

Map of Western Desert Campaign 1941/42 (https://www.wikiwand.com/en/Operation_Compass)

A seguito dell’ingresso dell’Italia nel secondo conflitto mondiale, il 10 giugno 1940 il territorio libico è dichiarato in Stato di guerra. A settembre la Divisione partecipa alla prima offensiva italiana in Egitto, ma la controffensiva britannica non si fa attendere: dopo una serie di attacchi che provocano importanti perdite, a dicembre la Divisione è costretta a ripiegare entro la cinta fortificata di Bardia, vera roccaforte italiana in Libia. L’esercito italiano non resisterà a lungo: il 5 gennaio 1941 Vincenzo è catturato, insieme a migliaia di altri soldati, dall’esercito inglese, in quella che è passata alla storia come la catastrofica sconfitta di Bardia.

6th January 1941 BARDIA. A GROUP OF ITALIAN PRISONERS BEING BROUGHT IN BY THE A.I.F. DURING THE MOPPING UP OPERATIONS IN THE SURROUNDING HOLES. (AWM Image 004904 NEGATIVE BY F. HURLEY).

Da qui, dopo chilometri e chilometri percorsi a piedi nel deserto nordafricano, raggiunge il campo di concentramento 309, in Egitto, e successivamente il campo 308, entrambi nell’area di Alessandria. Da alcune relazioni stilate da inviati della Croce Rossa Internazionale si evince che la situazione dei prigionieri non era delle più terribili: tolto che la maggior parte dormiva per terra, direttamente sulla sabbia, a causa della scarsità di tende a fronte dell’arrivo massiccio di uomini (successivamente verranno costruite delle baracche dai prigionieri stessi), a ciascuno venivano date in dotazione due coperte per proteggersi dal freddo; i prigionieri indossavano la propria divisa e venivano consegnate scarpe nuove a chiunque ne avesse bisogno. Il cibo, preparato dagli italiani stessi, era razionato in quantità sufficienti, e durante le lunghe giornate d’attesa sono documentate persino partite di calcio. Sul campo era presente un cappellano militare per l’assistenza religiosa, mancavano però libri da leggere e i prigionieri lamentavano di non ricevere notizie per posta dai propri famigliari.

La prossima tappa del viaggio di Vincenzo sarà Suez, il vero polo di smistamento: qui i prigionieri saranno divisi e inviati nelle più svariate colonie inglesi; è il vero inizio della traversata che porterà mio zio all’altro capo del mondo. Ogni prigioniero segue sorti diverse: c’è chi viene inviato nel Regno Unito, chi nel Medio Oriente, chi ancora in Sudafrica. Il 30 novembre 1941 Vincenzo si imbarca per l’India. Arriverà a Bombay il 16 dicembre e sarà internato nei campi 9 e 12, entrambi nell’area di Bhopal, nell’India nord-occidentale. In una cartolina compilata per la Croce Rossa Internazionale scrive di essere stato catturato illeso e di stare bene.

Click: Arrival of Italian prisoners in Bombay

Il 20 aprile 1942 scrive la seguente lettera indirizzata alla famiglia e mai giunta a destinazione:

“Carissimi genitori, dopo lunga assenza di vostre notizie, non sapendo il perché di tutto questo mentre invece ho ricevuto notizie da Alberto, il cugino della cascina Fornace, alla cui cara lettera tuttavia non posso rispondere, la quale mi ha molto rallegrato sentendo le sue parole di giovane militare, e il rientro di Giulio, mio fratello, in patria dalla sua prigionia. Miei cari voi, sapete che non posso rispondere a tutti coloro che mi scrivono, perciò lascio a voi i miei più graditi saluti con una stretta di mano di vero cugino affettuoso. Ma appena potrò […] a tutti darò un mio saluto e un invito di arrivederci presto. Miei cari, da che mi trovo nelle Indie ho ricevuto 4 lettere, una del cugino e tre di Gina [la maggiore delle sorelle]. Desidero notizie dai dintorni e dai cugini. Non pensate male che tutto passa e ringraziamo sempre Iddio che tenga sempre la salute e un dì ci rivedremo.
Termino rilasciandovi i miei più sinceri saluti a tutta l’intera famiglia, e un bacio all’ultimo piccolino e Babbo e Mamma. Saluti parenti e riconoscenti da sempre, Vincenzo”

Camp 9 India: General View of Camp, Italians packed up ready to move to another camp, models of planes made by the Italians (ICRC VP-HIST-03470-07, VP-HIST- 03470-12, VP-HIST- 03470-30A)

Sappiamo però che il periodo in India è stato probabilmente il più difficile dell’intera prigionia: il clima duro, la scarsità di cibo e le disastrose condizioni igieniche dei campi indiani, unitamente al pericolo causato dagli insetti portatori di malaria, facevano sì che molti prigionieri si ammalassero, anche gravemente. In particolare, i campi dell’area lagunare di Bhopal, dove si trovava mio zio, erano noti per l’aria estremamente malsana. Lo stesso Vincenzo trascorse più di due mesi nell’ospedale del campo, e subì un’operazione. La situazione precaria e la persistente incertezza sul futuro spingevano molti a tentare il gesto estremo.

Ma la storia di Vincenzo è diversa. Nel gennaio 1944 lascia infatti il subcontinente indiano e viene imbarcato sulla nave Mariposa: direzione Melbourne, Australia.

Continua…

1944-03-28. AERIAL PORT BOW VIEW OF THE AMERICAN TRANSPORT SS MARIPOSA WHICH MADE FIVE TROOP CARRYING VOYAGES TO AUSTRALIA BETWEEN 1942 AND 1944. (NAVAL HISTORICAL COLLECTION) (AWM Image 303592)

Il calzolaio di Grottaferrata

Somewhere in the vicinity of Sidi el Barrani, Agostino Marazzi abandoned his machine gun at the suggestion of a lieutenant. He was captured by the British on 11th December 1940. He had served with an infantry unit for 17 months.

On 24th March 1940, Agostino was photographed with a friend at Martuba Libya. Martuba was an important Italian airbase but also had numerous staging camps for newly arrived Italian soldiers.

Agostino Marazzi and friend Martuba Libya 24.3.1940 (photo courtesy of Amedeo Marazzi)

Agostino’s next stop was Tobruk which is 150 km south west of Martuba.His son Amedeo recalls that the two photos of his father with a machine gun were taken at Tobruk.

Agostino Marazzi at Tobruk (photo courtesy of Amedeo Marazzi)

Commander-in-Chief of the Italian army, Rodolfo Graziani had advanced Italian troops from the Libyan-Egyptian border to Sidi el Barrani from 13-16th September.  Field Marshal Wavell’s offensive to reclaim Egyptian territory began on 9th December 1940.

Along the fifty-miles-wide battlefield and astride the road leading west lay a fantastic litter of abandoned trucks, guns and tanks, piles of abandoned arms and ammunition, of food stores and clothing, and of the paper which a modern army spends so profusely. It was some days before all the enemy dead had been found and buried. Long columns of dejected prisoners in drab olive-green and khaki streamed eastwards. In the whole battle 38,300 prisoners, 237 guns and 73 tanks were captured . Four generals were taken: Gallina of the Group of Libyan Divisions, Chario of the 1st Libyan Division, Piscatori of the 2nd Libyan, Merzari of the 4th Blackshirt.

12 December 1940 SOME OF LATEST BATCH OF 4000 PRISONERS FROM AREA BETWEEN BARRANI AND Buq Buq. ALL ITALIAN TROOPS WERE WELL-CLOTHED & ARMED & IN GOOD PHYSICAL CONDITION BUT SEEMED IN NO MOOD FOR FIGHTING AFTER THE FIRST FEW HOURS OF THE ENCOUNTER. (PHOTOGRAPHED BY F. HURLEY).

The Italian prisoners’ journey begins: Sidi Barrani to Mersa Matruh to Alexandria. Some were taken to Palestine while others were taken to camps along the Bitter Lakes/Suez area.

Agostino Marazzi boards the Queen Mary bound for Sydney Australia. The ship leaves Suez on 7th May and arrives at Trinomalee (Ceylon) 14th May. She departs Trinomalee on 15th May and arrives in Fremantle Australia 21st May.  Queen Mary departs Fremantle on 21st May and arrives in Sydney on 25th May 1941

The Queen Mary had been in service as a troopship since May 1940 after she had been fitted out to accommodate 5000 troops. Towards the end of the war, Queen Mary was carrying 15,000 American troops in a voyage.

Amedeo Marazzi remembers his father’s story about the Queen Mary: “The Queen Mary was the largest ship in the world at the time and had 3 swimming pools, a theatre and a cinema. My father said that when they passed the equator at night, it was so hot some men jumped into the water of the pools for relief but the temperature in the pool was worse in than out.”

The Australian army identity photo was taken on 4th November 19411. Amedeo reflects, “To see the young face of my father was a unique wonderful emotion.”

Marazzi, Agostino NAA: A367, C85443

Agostino’s brother sent him a picture postcard of his mother, Celeste Vinciguerra, on 16th December 1942.  Mention is made of Sergio Galazzi, a radio mechanic from Rome. 

Sergio had arrived at Hay Camp 26th March 1942.  News must have reached the Marazzi and Galazzi families that Agostino and Sergio were now in the same camp.

Ecco la foto di mamma che tanto desideri. L’abbiamo fatta in questi giorni. Ti saluta e ti bacia. Tanti saluti dalla mamma di Galazzi Sergio. Tanti saluti da noi.

Elide Arturo

Celeste Vinciguerra (photo courtesy of Amedeo Marazzi)

Amedeo reminisces, “My father and his friends once they arrived in Australia  realized that this was a wonderful place. He settled immediately and became a labourer on a farm. He would talk about breakfast where he could have coffee or milk, honey, fruit, bread, butter and jam.  He has never felt like a prisoner of war.”

My father had good memories of Australia. He always told us that if he won the lottery, he would take us all on a holiday to Australia,” reflects Amedeo.

Carnivale 1950s Adele, Rossella, Amedeo, Agostino (photo courtesy of Amedeo Marazzi)

Recently Amedeo obtained a copy of his father’s extra Australian file. 

Little details emerge from this file: Agostino was captured at Buq Buq, west of Sidi Barrani; while in Hay Camp he worked as a bootmaker; in Hay Camp he was awarded 24 hours detention for possession of a prohibited article but this was not officially recorded.

Other documents record that he worked on the farm of Mr LE Peacock at Oakbank together with Sebastiano Aiello.

Upon return to Italy, life returned quickly to a familiar routine surrounded by family.

Adele and Agostino Marazzi (photo courtesy of Amedeo Marazzi)

What does 50 piastres buy?

Leonard Fortuna arrived in Australia with 50 piatres; money from Egypt. It was recorded on his Property Statement and transferred to his Australian account.  Prisoners of war were prohibited from having money in their possession.

A question arises about the value of fifty piastres.  One hundred piastres equalled an Egyptian pound in the 1940s.  But what could a man buy with fifty piastres?

The answer can be found in a Canteen Price List from Camp 306 in Egypt March 1944.

For fifty piatres one could buy a five pound tin of honey.  Fifty piastres could also buy a kilo of olives, a kilo of macaroni, and a hair brush OR a medium chocolate, a tin of pilchards, a bottle of syrup and cigarettes OR five packets of biscuits, eau de cologne and a kilo of macaroni.

Archives du CICR Campo 306

In the photo below, the canteen supervisor shows the International Delegate for the Red Cross dates and eggs on sale at the canteen.

Geneiffa, camp de prisonniers de guerre italiens N° 306 “Middle East”. Le prisonnier de guerre en charge de la cantine vendant des oeufs et des dattes à un délégué du CICR.

Prisoner of War in Charge of Canteen 4.10.41

 ICRC V-P-HIST-03408-14A

The following is from an October 1943 report on Camp 306: The canteen is run by an Egyptian. It is very well supplied with products and articles of all kinds. there are fresh fruits and vegetables, canned food, syrup, toiletries (soap, toothbrushes, toothpaste, razor blades, shaving soap, etc.) clothing items (underwear, shirts, shorts, socks, stockings, handkerchiefs) stationery (paper, feathers, ink, pencils) tobacco, cigarettes, sweets and sold at local trade prices. The prices are established in Egyptian piastres (there are 100 piastres in an Egyptian pound).  (October 1943)

This history is complex and often a small item such as fifty piastres from Egypt when paired with a Canteen Price List can offer new insight.

four photos… four countries

Italy…Libya…India…Australia

Giovanni Cavoli’s journey can be traced through his small collection of black and white photos.

[Photo courtesy of Diana Cavoli]

From Venagrande [Ascoli Piceno] his military service was undertaken in Bologna with Giovanni serving with the 6th Reggimento Bersaglieri.

The photo taken in Libya shows his desert accommodation. Giovanni is in the back row centre. If you look closely, you will see a wine flagon and the words ‘Il Duce’ written with stones.

[Photo courtesy of Diana Cavoli]

This identity photo taken in India, found its way to Australia and into his Australia file.

He departed India for Australia in February 1944.

Giovanni Cavoli in India

[NAA:K1174]

Dressed in his magenta dyed Australian uniform, Giovanni is photographed at Mr H Crawford’s Tambellup farm in Western Australia. At the time of his return to Italy, he had not seen his family for almost 8 years.

[Photo courtesy of Diana Cavoli]

In May 1949, Giovanni, his wife Rosa and their two children arrived in Fremantle Western Australia on the Ugolino Vivaldi. Sponsored by his war time employer Mr H Crawford, he returned to Tambellup. In time the family settled in Katanning.