Ricordo della mia prigionia Australia

Ian Szafranek has shared two beautiful embroideries sewn by his grandfather Giuseppe Spagnolo while he was in Australia.  Giuseppe arrived in Australia on the Queen Elizabeth 15th October 1941 and departed on the Oranje (a hospital ship) on the 29th March 1943.

The initials within the red heart V G in the Arcangelo work represents Giuseppe’s love for his wife Vita. It was sewn in Cowra 1942.

Arcangelo 1942 (photo courtesy of Ian Szafranek)

Giuseppe  completed Santa Lucia in 1943. Santa Lucia is the patron saint of the blind and her name means light.

These embroideries are poignant and personal reminders of a Giuseppe Spagnolo and treasured keepsakes for his family.

Santa Lucia 1943 (photo courtesy of Ian Szafranek)

Read more about Giuseppe Spagnolo as told by his grandson Ian:

The Incredible Life of Giuseppe Spagnolo

An Alpine Ice Pick

Giuseppe Noal and Pietro Marcon crafted a special gift for Colonel Montague Ambrose Brown, Commandant of Cowra Prisoner of War and Internment Camp: an alpine ice pick.

An ‘interesting’ gift but a gift with significance.

Background and Connections

Pietro Marcon served with the Alpini. The Alpini is Italy’s specialist mountain infantry and served in battle in the Greek – Albanian conflict of WW2. Pietro was captured 13.2.41 while Giuseppe Noal was captured three days before on the 10.2.41. Giuseppe’s card records his place of capture as Greece while Pietro’s card records Libya. [While an Alpini Corps served in East Africa, I do no know if the Alpini served in Libya]

The complex issues of record keeping implies that not all information for each Italian is correct.  Some men are captured as ‘Libya Greece’ or ‘Albania Libya’. Others have ‘Progradecci Greece’ as place of capture but Progradecci is in Albania.

I have no doubt that Pietro and Giuseppe both served with the Alpini and were captured in Greece.  Their journey is identical from arrival in Australia on the Queen Mary 13.1.041 to their departure on the Alcantara on 23.12.46, including placement at Q6 Home Hill Hostel vegetable project. These are men who forged a friendship before capture.

Looking further for a glimpse of Pietro and Giuseppe, a group photo taken in Cowra Camp highlights further common threads or connections.

The photo below is intriguing: seven out of the ten men were captured in Greece or Albania. All men arrived in Sydney Australia on the Queen Mary 13.10.41

Almerino Albertin from Abano Terme Padova : 1.3.41 Greece

Carlo Dell Antonio from Predazzo Trento: 3.12.40 Greece

Pietro Marcon from Rossano Veneto Vicenza: 13.2.41 (Alpini) [Greece?]

Giuseppe Noal from Via Felice Cavalotti Milano: 10.2.41 Greece

Giuseppe Oldani from Abbiategrasso: 3.12.40 Albania

Carlo Fossati from Lissone Milano: 3.12.40 Premeti [Pëmet Albania]

Riccardo Del Bo from Castrovillari Cosenza; 24.1.41 Greece

Mario Mancini and Giovanni Tadini could well have been captured in Greece or Albania as their dates of capture suggest this: 3.12.40 and 8.12.40.

Interestingly, Riccardo Del-Bo also made a gift for Colonel Brown: a caricature.

Cowra, NSW. 16 September 1943. Group of Italian prisoners of war (POW) interned at No. 12 POW Group. Back row, left to right: 47841 Almerino Albertin; 48023 Carlo Dell Antonio; 48340 Giovanni Tadini; 48210 Pietro Marcon; 48234 Giuseppe Noal; 48199 Mario Mancini. Front row: 48251 Giuseppe Oldani; 48055 Carlo Fossati; 48106 Riccardo Del Bo; Unidentified (name cut off list). Note: The number is an assigned POW number. (AWM Image 030149/22 Photographer Michael Lewecki)

The Ice Pick

The ice pick signifies the Alpini Corps and its connection to Pietro and Giuseppe. They decorated it with a hat badge and star.  The alpine hat and feather are the most recognised features of the Alpini uniform.  

They engraved their names, Colonel Brown’s name and a quote in Italian: ‘ABBIAMO ISSATO I PEZZI, LA, DOVE ALL’ UOMO, PESAVA PERFINO IL PANE NELLE TASCHE’.

The words are from a patriotic speech by poet Gabriele d’Annunzio: “Hanno portato I loro cannoni e issato I loro pezzi la’ dove all’uomo commune pesava perfino il pane in tasca”

A special thank you to Ermanno Scrazzolo for doing some background research for me and correction of place names.

Ermanno explains the quote in English: “we pulled up the pieces (cannons), up there where for the men even the bread in their pockets was a burden.”

Ermanno adds, “Normally the Alpine troops had mules for carrying cannon barrels, but where the mules could not go, the men had to pull up the barrels using ropes and their manpower.”

This was Pietro and Giuseppe’s journey: into the mountains of Greece and Albania during one of the coldest winters on record; dragging the cannons through the snow and high-altitude conditions; exhausted.

The ice pick is poignant and important, not only to Colonel Brown but for all families whose fathers fought in Greece and Albania. We are blessed that Colonel Brown’s family donated this item to the Australia War Memorial, giving another insight into the life of a soldier and prisoner of war.

In Libya…

Matteo Casdio has a remarkable collection of photos which belonged to his grandfather Marino.

Marino and his brother Mario were both captured on 11th December 1940 at the Battle of Sidi Barrani.

From the records, Marino served with the 81 Batt. CCNN [81st: Alberico da Barbiano (Ravenna). This battalion was part of the 21 Aprile Division. Mario served with the 250 Leg. CCNN. [part of the 3 Gennaio Division]

Marino and Mario Casadio in Libya (photos courtesy of Matteo Casadio)

There was no consistency with information documented in the Australia records. For Marino and Mario the category on their card is SERVICE but the answers can be generic: Army, Battalion or Legion. Other forms have a category UNIT and the answers range from anti-aircraft, infantry, artillery, navy. Such is the complexity for Italian families trying to piece together the journey of their fathers and grandfathers.

The pieces of the puzzle slowly begin to fall into place. The Blackshirt Divisions are abbreviated as CCNN or CNN. Volunteers filled their ranks and MVSN refers to the Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale or Voluntary Militia for National Security. One report suggests that in 1940, the MVSN consisted of 340,000 first-line combat troops.

There were four divisions which served in North Africa: 1. 23 Marzo CCNN, 2. 28Ottobre CCNN, 3. 21Aprile CCNN and 4. 3 Gennaio CCNN.

In Italy

Marino Casadio and friends at a training camp in Italy (photo courtesy of Matteo Casadio)

Preparations for War

Marino was a soldier with the 21 Aprile Division while Mario served with the 3Gennaio Division. Both divisions had arrived in Taguria [Tajura/Tajoura] Libya in 1939 which is 14500km west of Sidi Barrani.

One of Marino’s photos is identified as being taken at Derna Libya.  Derna is 400 km east of Sidi Barrani and from June 1940 suffered aerial attacks by the British with bombs landing at an aerodrome and the jetty. Derna was one of Italian military staging camps in Libya and housed motor parks, garages, petrol dump, barracks and a police HQ.

A 12th October 1939 photograph from Crociani and Battistelli’s The Blackshirts shows men from the 71st Blackshirt Battalion marching between Derna and Martuba.

According to Crociani and Battistelli, the 21 Aprile was disbanded in May 1940 and used to replenish the other three divisions.  The 81st Battalion replaced the 154 Battalion from the 3 Gennaio. This meant that Marino and Mario were now serving together in the 3 Gennaio.

Marino at Derna Libya (photo courtesy of Matteo Casadio)

At War

The Libyan Blackshirt divisions were part of the 10th Army’s invasion of Egypt in September 1940.

The Italian army advanced 75 miles in five days from Libya to take Sidi Barrani in Egypt. This advance was spearheaded by the Blackshirt divisions.

It was reported:

General Graziani now appears to have as many troops as he can handle in Egypt and is concentrating on the supply situation, particularly water.

Tank wagons and barrel laden lorries lumber across the dusty tracks.

There is no other explanation of General Grazani’s sudden aggression in the extremely unfavourable climatic and strategic conditions. September is one of the hottest months in tile western desert. Each soldier needs a daily ration of two thirds of a gallon of water, all of which must be carried on lorries. The machines need several gallons a day. The Italian tanks are not as good as the Germans used in France and the fine dust of the desert is an inveterate enemy on the land.

GENERAL’S BOAST

General Graziani, however, boasts that he and his men marched and

fought on only a litre of water a day. His report to Rome states: “British and Egyptian military authorities claimed that it was impossible to transport over 20,000 men. They declared that our expedition had only a 20 to 1 chance of getting through and then only between November and March. They also declared that only a few mechanised cars could go through, but we got through 2000.”

Despite General Graziani’s confidence, the Italians are suffering severely

from the unceasing bombardment from the land, sea and air which is taking heavy toll of men and machines and causing havoc among the supply convoys.

1940 ‘MISTAKE IN HURRIED ENTRY TO SIDI BARRANI’, Border Morning Mail (Albury, NSW: 1938 – 1949), 21 September, p. 1., viewed 15 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article255030685

Capitulation

The Allies under the command of General Wavell launched Operation Compass on 9th December 1940 to reclaim Egyptian territory from the Italian forces and advance into Libya.

During the day of 11th December 1940, one group after another of the 1st Libyan and 4th Blackshirt Division [3Gennaio] surrendered. For Marino and Mario, the war was over.

The Battle of Sidi Barrani

(https://www.ibiblio.org/hyperwar/UN/UK/UK-Med-I/UK-Med-I-14.html)

13th December 1940 Sidi Barrani – the only thing left standing complete in Barrani was this monument proudly commemorating the liberation of Libya by the Italians (AWM Image 004418 Photographer: F. Hurley)

Impersonating an Officer

So many Italian prisoners of war, so many individual stories.

I found Giuseppe Spinelli by accident.

A solicitor from Rome, Giuseppe was with an artillery unit when he was captured in Bardia 4th January 1941.

Upon arrival in Australia on 13th October 1941, his rank was recorded as “Lieutenant”

It was 13 months before the authorities realised that the rank of Giuseppe Spinelli was sergeant.

I thought, did Giuseppe believe he could impersonate an officer?

Did the officers in the camps of Egypt and on the voyage to Australia not realise his deceit?

I offer the suggestion that Giuseppe Spinelli was suffering from a serious injury or medical condition. 

Groups of Italian prisoners of war were being sent to Australia and my suggestion is that an Italian medical officer claimed him to be a lieutenant to accelerate his chances of getting out of Egypt and to better medical care!

Giuseppe arrived in Sydney on the Queen Mary on 13th October 1941.  On this transport, there were 110 Italian officers. Giuseppe did not travel by train to Cowra with the other Italians. Instead on the 14th October 1941, Giuseppe was taken to 113 AGH (Australian General Hospital) in Concord Sydney.

CONCORD MILITARY HOSPITAL. PHOTOGRAPH PUBLISHED IN AUSTRALIA IN THE WAR OF 1939-45, MEDICAL, VOL 2, MIDDLE EAST AND FAR EAST, PAGE 431. (AWM Image 043228)

The newspapers reported that two ambulances ‘took away two stretcher cases and a few other men who were sick’.

1941 ‘Prisoners of War’, Glen Innes Examiner (NSW: 1908 – 1954), 14 October, p. 1. , viewed 20 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article178556884

Upon arrival in Australia, he had a box of medicine which was returned to him on the 9th December 1941.

Giuseppe spent from 14th October 1941 in the 113 AGH until 5th December when he arrived at Murchison Camp.

Two months later, on the 5th February 1942, his record states: Falsely stated Lieut. – his status is Sgt.  

Maybe one day, Giuseppe’s family will tell me more of his story.

Where is Popanyinning?

A farm in the wheat growing district of Popanyinning WA was home to Enrico Riga for two years from March 1944 to March 1946.

Enrico Riga working on a farm in WA (photo courtesy of Maria Riga)

From Lamon Belluno, Enrico was captured on 5th April 1941 in Addis Abeda, Abyssinia before being sent to prisoner of war camps in India.

Enrico arrived in Fremantle Western Australia on the Ruys.  This was the only ship to disembark Italian prisoners of war on the west coast of Australia. The ship boarded 2028 Italian prisoners of war in Bombay destined for Fremantle and Melbourne. 

The town of Popanyinning was originally given the name: “Popaning”; the local Aboriginal Noongar word for waterhole.  It was built alongside the Great Southern Railway line, servicing the wheat and sheep farmers in the district.

The photo of Enrico captures the landscape, the vegetation of this part of Australia as well as the work he did while living with a farming family.

Enrico was repatriated on the Chitral on 30th September 1946.

1946 ‘2500 ITALIAN P.O.W. LEAVE ON MONDAY ‘, The Daily News (Perth, WA : 1882 – 1950), 27 September, p. 10. (HOME EDITION), viewed 13 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article78267376

Popanyinning is referred to as “Hard to Say, Nice to Stay”. 

I hope that this is how Enrico might have remembered his time in the district: it was a funny word to pronounce but it was a good place to live and work.

Welcome Sign for Popanyinning

(photo courtesy of Gordon Stewart)

1941 The Journey from Egypt to Australia

Did your father or grandfather arrive in Australia during 1941 on the Queen Mary or the Queen Elizabeth?

I have spent a number of hours this week, walking in the footsteps of Gunner George Davidson Mackie of the Australian 2/1 Anti-Aircraft Regiment.

The diaries of Mackie have been digitalised by the Australian War Memorial and available for viewing: https://www.awm.gov.au/collection/C2662639

Mackie’s journey is the same journey as the Italian prisoners of war who sailed to Australia in 1941; only in the reverse. Mackie travels from Sydney to Port Tewfik on the Queen Mary which was in convoy with the Queen Elizabeth and Acquitania

As Mackie explains segments of his journey, it is easy ‘to see’ the journey of the Italian prisoners of war in 1941.

 Australia’s first Italian prisoners of war boarded the Queen Mary in Suez 7th May 1941 and arrived in Sydney 25th May 1941. 

Mackie boarded the Queen Mary on her return voyage from Sydney to Suez: 29th June 1941 to 25th July 1941.

The Queen Mary disembarks the Australian troops one day and the next day embarks Italian prisoners of war and Australian troops for the return voyage to Australia: Suez 26th July 1941 to Sydney 16th August 1941.

Mackie’s diary gives insight into life on the Queen Mary from its closely slung hammocks, beautiful timbered panels in the corridors, stifling heat, ‘jack up’ [hunger strike] by soldiers, the bugle calls, the Queen Mary newspaper: QM Daily, ‘two up’ games [coin toss gambling game] and the heavy seas and seasick men.

c. June 1941 QUEEN MARY AND QUEEN ELIZABETH PASSING (AWM Image 007960)

Mackie describes the farewell out of Sydney Harbour Heads, the tumultuous seas across the Great Australian Bight, refuelling at Fremantle, the sights and sounds of Trincomalee (Ceylon), the passage through the Bab al Mandab Straits (Gate of Tears), disembarking at Port Tewfik, a walk through the French Quarter at Suez and a train journey along the Suez Canal. 

The Queen Mary, Queen Elizabeth [Lizzie] and the Acquitania travel in convey with the ‘HMAS Australia’ as the guard ship. Mackie comments that the convey is taking 17,000 troops to the Middle East.

29 April 1919 The battle cruiser HMAS Australia passing through the swing bridge on the Suez Canal. Some of the ships crew can be seen on deck and part way up the mast. A row boat is in the foreground. (AWM B03031 Oswald Hillam (Ossie) Coulson)

Mackie expresses that sense of majesty of the convoys of WW2 and the imminent danger.  The ‘valiant old Acquitania’ slips in the heavy seas while ‘out front and playing submarines, the Australia still keeps guard while she rolls and tosses to the fury of the sea.’ [playing submarines: disappears under the waves]

Once in Egypt, Mackie feels as if he comes face to face with characters from every book he has read and every film he has seen and feels as if he is living inside The Arabian Nights. He describes the sights, sounds, smells and colours of this foreign country.

On Sunday 27th July 1941, Mackie writes:

Moved from Suez 10am Saturday. Marched from camp to the railway with full kit and bags about a mile.  The train’s maximum speed was 25 miles per hour. It was the least boring trip I have had. Every 100 yards contained something of interest. The strangest of all I think was to see natives in ones, twos of little parties appearing in the desert with a pack on their heads, coming apparently form nowhere and going nowhere.

Little native villages appeared now and again. Just little mounds of mud.

There was a great prison camp with thousands of Italian prisoners.  They were all pretty well dressed and the officers (who were as numerous as the ordinary ranks) look quite decent and very clean and tidy.  They all made Fascist salutes and made signs of shooting us, cutting our throats and so on.  We cursed them loudly in good old Aussie swear words.  It was done however with a great deal of smiling and grinning on both sides.

GINEIFA, EGYPT, 1941. PRISON CAMP AT GINEIFA, NOT FAR FROM SUEZ. TAKEN FROM PASSING TRAIN. (AWM Image P00237.056)

Then came the great Suez Canal and the Bitter Lakes.

PORT TEWFIK, EGYPT. 1942-02. TROOPS OF THE A.I.F. MARCHING TO THE DOCKS FOR EMBARKATION TO AUSTRALIA. (AWM Image 025659)

The road which runs along beside the canal was continually carrying military transport. Along the canal banks are military posts which are mostly A/A. These posts are manned to a great extent by Indian Troops.  To add interest to the canal there was the shipping.  Modern liners sliding down between the sand and ancient sail boats.

A British Aerodrome with dozens of Hurricanes was another sight worth seeing along side this is a huge base dump.

The whole country appears to be a huge camp.

Next to the dump is a Native Labour Camp.  This stretches over many acres.  It is a curious looking camp as the tents are dug down into the sand for coolness and coloured the same for camouflage.

The aerodrome and hangers are completely the colour of sand while all motor vehicles are camouflaged in various colours.

WESTERN DESERT, EGYPT. 1942-10. NEW CAMOUFLAGED TANKS BEING TRANSPORTED TO THE FRONT ON TRAILERS. NOTE THE COMPARISON OF SIZE WITH THE STAFF CAR ALONGSIDE. (AWM Image 025167)

Photos are used for illustrative purposes. Only the photo of the Queen Mary and Queen Elizabeth are relevant to Mackie’s voyage.

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 4

15-7-41 . . .Questa mattina ci siamo imbarcati per destinazione ignota. Naturalmente le voci che corrono sono molte. Alcuni dicono ci portano in Sud Africa, altri in India ed altri ancora in Australia. Dovunque si vada sarà sempre meglio che rimanere nel deserto. Tutti noi siamo pieni di diversi sentimenti, sappiamo che questo viaggio significa allontanarsi ancora di più dalle nostre famiglie e nessuno sa per quanto tempo, però siamo  anche pieni di quello spirito di avventura che si ha quando si parte per terre nuove e sconosciute e comunque la cosa più importante è che questo viaggio rompe la monotonia della prigionia ed aiuterà certamente il tempo a passare più in fretta. La vita a bordo, benché soggetti a stretta disciplina è abbastanza buona abbiamo da mangiare a volontà e siamo trattati bene, possiamo passeggiare sul ponte e l’aria di mare ed il riposo sta facendo bene a tutti e specialmente da un punto di vista nervoso è un gran calmante. Di notte nell’oscurità più completa, alcune volte si pensa che disastro sarebbe, se dovessimo essere silurati, ma d’altro canto ò meglio cercare di non pensarci e sperare sempre per il meglio. La vita è naturalmente sempre la stessa e siamo privi di qualsiasi notizia, chi sa quando riceverò ancora posta da casa, forse mesi e mesi passeranno prima che i miei sappiano se sono morto o vivo e prima che ricevano posta da me ed io da loro. Questa è la parte più brutta, il pensare alle sofferenze di mia moglie e di tutti i miei che chissà per quanto tempo saranno nell’incertezza. Bisogna proprio cercare di essere filosofi, tutto è destinato a finire e bisogna cercare di avere fiducia anche nelle ore più nere. Sto pensando di cominciare a studiare l’inglese, mi aiuterà certamente a passare il tempo e può darsi che mi possa essere utile in futuro, c’è un proverbio che dice, non tutti i mali vengono per nuocere, ed allora certe volte comincio a sognare ad occhi aperti e dopo la prigionia mi vedo stabilito con la mia famiglia in una di queste terre lontane di cui qualche volta avevo sentito parlare da paesani che erano tornati al paese a fare un viaggio e per far vedere che avevano fatto fortuna. E’ bello sognare perchè si dimentica il presente e si ha una speranza per l’avvenire, che alcune volte se si vuole veramente guardare in faccia sembra così nero che mette paura. Fra di noi vi è un soldato che è stato qualche anno in America e che parla l’inglese, domani gli voglio domandare che cominci a darmi alcune lezioni. Sarebbe interessante poter parlare con le sentinelle inglesi e vedere che cosa pensano e quale è loro attitudine, sono degli uomini e dei lavoratori come me, sono sicuro che se potessi parlare sarebbe molto interessante ed anche un grande aiuto.

15-8-’41 … E’ passato giusto un mese da quando ho scritto l’ultima volta su questo diario, il fatto è che non ho avuto niente di eccezionale che mi spingesse a rompere l’apatia e la pigrizia per prendere la penna in mano. Siamo passati da Capetown, ma naturalmente dato che proseguivamo non ci hanno fatto sbarcare e quindi a parte del porto non abbiamo visto niente altro. Appena arrivati credevamo che finalmente eravamo giunti a destinazione, ma invece dagli ordini che ricevemmo era evidente che si andava ancora avanti. Dove? Adesso il Sud Africa era escluso e rimaneva soltanto o l’India o l’Australia. Vedremo se ci fermeremo in India o se proseguiremo ancora. Fra pochi giorni lo sapre mo perchè la voce córre che saremo presto in Bombay.

Guerre 1939-1945. Bangalore. Groupe I. Camp no 1 de prisonniers de guerre italiens. Détenus devant leur tente. Word War II. Bangalore. Group I. Italian prisoners of war camp 1. Detainees in front of their tent. Au fond, un autel construit par les prisonniers.

Word War II. Bangalore. Group I. Italian prisoners of war camp 1. Detainees in front of their tent. (ICRC Image V-P-HIST-03469-04)

NB No transports of Italian prisoners of war arrived in Australia in September 1941. ‘Nonno’ would have disembarked at Bombay.

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 3

Be killed or surrender…

28-5-41 . . . Che giornate. Credevo di averne passate abbastanza, ma invece mi sbagliavo. Ieri mattina un pò prima che facesse giorno stavo dormendo come meglio potevo, quando l’armata inglese cominciò ad avanzare contro di noi. Eravamo in una posizione disperata, male armati, rimasti con poche munizioni e mangiare quasi per niente. Davanti a noi avevamo l’esercito inglese che avanzava inesorabilmente e di dietro l’esercito nazista pronto a mitragliarci se ci ritiravamo. Credo che gli stessi pensieri si presentarono alla mente di ognuno di noi: avevamo tre alternative, due erano di farsi ammazzare come stupidi sia resistendo  o ritirandosi,  l’altra di arrendersi e diventare prigionieri. Nessuno resistette e quasi nessuno si ritirò, abbandonammo le nostre inutile  armi, alzammo le mani ed i tanksinglesi seguiti dalla fanteria proseguirono per la loro strada. Non fui stupito di vedere che fra le migliaia di coloro che si erano arresi vi erano anche molti di coloro che a parole si spaccìavono per fanatici fascisti ed avevano più volte ripetuto che avrebbero combattuto fino alla fine per il loro  duce. Vi erano battaglioni complete di camicie nere, in mezzo a tanta miseria fu l’unica cosa che mi portò il sorriso sulle labbra: anche I campioni di Mussolini preferivano la prigionia alla morte del topo! E’ ben differente mettersi una uniforme’ risplendente con gli stivali lucidi e poter così più facilmente conquistare una ragazza, fare il saluto fascista ed il burrattino e pavoneggiarsi per le vie della città o del paese, che combattere e farsi ammazzare dopo essere rimasti  senza acqua, senza cibo e senza munizioni. Bisogna vederle adesso le baldanzose camicie nere che volevano conquistare il mondo.

Dove sono le belle uniformi e gli stivali e l’oro e l’argento dei loro gradi? Sono sporchi, pieni di sabbia, assetati, affamati, avviliti nella loro sconfitta, sono perfino più umili di noi, la loro arroganza è scomparsa, ma spero che non mi mettano insieme a loro perchè so che sono dei vigliacchi e forse domani quando si troveranno di nuovo dietro la sicurezza dei fili spinati la loro attitudine potrà ridiventare quella di prima, perchè questa è la prerogativa dei fascisti: grandi parole, e fatti quando sono almeno in venti contro uno, se la posizione è appena appena in loro sfavore sono peggio dei conigli. Come sono avvelenato, scrivo perchè ho bisogno di sfogarmi, se no scoppio. Siamo ammassati come le pecore, siamo ancora senz’acqua e senza mangiare, lo scrivere mi aiuta a passare il tempo, siamo tanti che evidentemente gli inglesi non possono immediatamente sistemarci e darci condizioni migliori, l’unica speranza è che ci mandino al più presto via da questo deserto, il giorno in cui potrò ancora bere acqua a volontà credo sarà il più bel giorno della mia vita. Che tormento avere le labbra gonfie e screpolate, la gola secca e gonfia, solo poter avere un pù d’acqua. Acqua, acqua, mai avevo pensato così tanto ad una parola “acqua” una parola che dà l’ideadi un liquido fresco che rinfresca, che dà la vita, la vedo davanti agli occhi, la vedo in tutte le forme, vedo fiumi di acqua, vedo bicchieri pieni di acqua, vedo caraffe piene di acqua e ghiaccio, sono vicino a me, sono lì per me . . . basta che allunghi la mano e sono mie . . . ma no io sto scrivendo . . . sto delirando, sono un prigioniero, sono nel deserto, sono un soldato di Mussolini, ma no … io non sono un soldato di Mussolini, ed allora rido . ; . si, sto scrivendo ancora e rido, rido . . . rido … e le mosche, milioni di mosche volano intorno a me e sono sopra a me: nelle orecchie, negli occhi, sulla faccia, le mosche mi coprono … mi seppelliscono cerco di prendere aria e mi entrano in bocca … la mia mente è distaccata dal mio corpo, non sono io che scrivo, non posso essere io che scrivo, come posso ancora scrivere? Guardo . . .

29-6-41 . . . Sono in ospedale, mi hanno ridato le cose personali che avevo con me e con meraviglia mi hanno anche ridato il mio diario. Ho riletto le ultime pagine, evidentemente devo essere svenuto e qualche compagno me lo mise in tasca. Non ricordo assolutamente niente, mi dicono che mi hanno portato qui più morto che vivo e che sono rimasto giorni e giorni senza conoscienza. Sono ancora molto debole, ma posso scrivere ed ho sempre vicino a me un bicchiere pieno d’acqua, che buona che è l’acqua. Corrono voci che ci imbarcheranno presto per destina zione ignota. Vedremo che cosa succederà. Sono molto stanco, bisogna che smetta.

One week after the Italian soldier is taken to hospital the following newspaper article is published:

1941 ‘HEAT STOPS WAR IN LIBYA’, The Newcastle Sun (NSW : 1918 – 1954), 7 June, p. 1. , viewed 18 Aug 2021, http://nla.gov.au/nla.news-article167450892

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano 2

At War…

20-5-41 . . . Ieri sera arrivammo al fronte. Ci hanno messo gli uni sopra agli altri in un camion, senza acqua, e così viaggiammo per ore ed ore. Che caldo e che sete. Il vento soffiava a più non posso e la sabbia penetrava dapertutto, in bocca, nelle orecchie, nel naso, sotto la camicia ed i calzoni, sabbia, sabbia e niente acqua. Tutto era disorganizzato, ordini e contrordini, non si sapeva mai dove sì era e dove si andava.

Più ci avvicinavamo al fronte e più si vedevano camions di feriti andare agli ospedali nelle retrolinee. Quanta miseria, che depressione. Finalmente arrivammo in un posto dove vi erano altre migliaia di soldati accampati alla bene e meglio e ci dettero l’ordine di smontare e di sistemarci come potevamo. Fui fortunato di trovare due paesani che erano già là da qualche piorno e ripresi un pò di coraggio, mi accompagnarono a mangiare qualche cosa e mi raccontarono le ultime notizie che correvano con grande segretezza di bocca in bocca. Abbassando la voce e dopo essersi ben guardati intorno che nessuno potesse sentire mi dissero che molti italiani si davano prigionieri, le condizioni erano sempre più brutte, acqua non ve ne era, mangiare poco e male armati, il morale diventava sempre più basso e anche quelli che erano venuti con grande spirito cominciavano ad essere stanchi. Domani mattina probabilmente andremo a prendere posizione sulla linea di fuoco, vedremo, è meglio levarsi il pensiero piuttosto che rimanere in questa incertezza. Non so cosa fare con questo diario.  Se me lo trovano che cosa farò? Son capaci di fucilarmi. E’ meglio che non ci penso, mi sembra di diventare matto. Tanto soffrire perchè. Se almeno ci fosse una ragione lo sopporterei meglio, bisogna che proprio mi forzo a non pensare, bisogna che penso a qualche altra cosa, a mia moglie, alla mia famiglia, alla mia casa, a qualsiasi cosa, basta che non penso perchè mi trovo qui.

25-5-41 . . . Mentre scrivo queste parole mi trema la mano, per la rabbia, per la paura e per la debolezza. Ieri sera per la prima volta vidi esseri umani, i cosidetti uomini civilizzati ammazzarsi uno con I l’altro. Che disastro, che impressione vedere gli uomini diventare bestie, vedere gli istinti più bassi sovrapporsi a quelli migliori. Di venta una questione di uccidere od essere ucciso in poche parole meglio luì che io, in quei momenti non si ha tempo di pensare, è solo più tardi che si pensa ed è interessante vedere che anche quelli che prima non si erano mai domandati perchè erano venuti a combattere, ma avevano seguito con cieca fiducia gli ordini dei loro superiori, adesso cominciano a pensare. Vedono il sangue che bagna la sabbia, vedono i corpi immobili con la faccia distorta nella sofferenza prima della morte, è lo stesso sangue, sono gli stessi corpi, amici e nemici . . . Perchè nemici? Sono lavoratori del mondo, siamo tutti fratelli lavoratori del mondo, è il nostro sangue che bagna le sabbie del deserto. Che manicomio! Sono i nostri ufficiali diventati matti? Ieri sera alle ore 8.50 i tanks inglesi avanzavano contro le nostre posizioni. Alle ore 9 precise, armati con un pugnale fra i denti ed una bottiglia di benzina in mano ci ordinarono di andare all’assalto contro i tanks. Miracoli in questa parte del mondo non ne succedono, che macello. Ci mitragliavano e ci uccidevano come mosche, vedevo i miei compagni cadere una dopo l’altro, ancora non so come mi sono potuto salvare, si vede che non era destinato che dovessi morire, ricordo soltanto che ad un certo momento quei pochi di noi che ancora rimanevano, si ritirarono in gran fuga. Che manicomio davvero! Durante la Guerra d’Abissìnia molti ridevano quando leggevano sui giornali che gli Abissini attaccavano i nostri tanks armati di pugnali, ed ora noi ripetiamo esattàmente la stessa operazione. Dov’è il più formidabile esercito del mondo? Otto milioni dì baionette che conquisteranno il mondo sotto la guida del Duce. Quante volte ho sentito queste parole, e ieri sera mi ritornavano in mente e le maledicevo, ci voglio no altro che baionette per conquistare il mondo! E’ proprio un’ironia che armati di baionette ci mandano al macello. Per il momento siamo noi che soffriamo, ma verrà il giorno in cui il duce e tutta la sua squadra di criminali se ne pentirà e pagherà.

c. September 1941 Libya TOBRUK. A PATROL OF MATILDA INFANTRY TANKS MK II WITH ONE LIGHT TANK MK 6B. THESE HAVE ALREADY DONE MUCH VALUABLE WORK IN THE DESERT. (AWM Image 009952)

Diario di un Prgioniero di Guerra Italiano in Australia 1

Australia 27th June 1945 and Il Risveglio [an Australian Italian language newspaper] publishes and extract from the diary of an Italian prisoner of war.

There is no mention of the Italian’s name nor the name of his home town. I will call him ‘nonno’.

Let us walk in the footsteps of this Italian soldier as ‘nonno’ writes about his departure from Naples…

Diario di un Prigioniero di Guerra Italiano IN AUSTRALIA

7-9-40 . . . Ieri sera lasciammo Napoli. La nostra nave trasporto circondata da incrociatori e caccia torpendiniere mandava gli ultimi fischi di partenza. Eravamo in migliaia sulla nave e tutti eravamo raggruppati sul ponte a guardare la costa allontanarsi lentamente, ognuno di noi lasciava le cose più care e tutti silenziosamente ci domandavamo se le vedremo ancora.

Mogli, madri, figli l’amici e case. Il mio cuore batteva velocemente, sembrava che con la sua forza mi potesse riportare a terra vicino ai miei cari, ma ciò era impossibile, eravamo alla fine, meglio così, gli ultimi giorni prima della partenza erano stati un continuo strazio: mia moglie sveni nelle mie braccia due ore prima che mi imbarcassi, mia madre e mia sorella piangevano come due bambine, ed io tremavo per la rabbia . . . parlavo ma non sapevo quel che dicevo. Tre giorni eravamo rimasti a Napoli prima della partenza, tre giorni di dolore che passarono velocemente, tre giorni che mi riportarono alla mente con sempre pli forza la rabbia accumulata e soppressa nel mio petto in tutti gli anni di lotte e schiavitù sotto i pardoni fascisti.

Ed ora i fascisti concludevano la loro opera di distruzione, ci mandavano al macello come fossimo stati delle bestie. Volevo dormire, volevo dimenticare, ma invece pensavo . . .pensavo … il mio cervello sembrava volesse scoppiare, le idee si sovrapponevano l’una sull’altra e tutto era confusione, non potevo seguire una linea di pensiero, troppe immagini si presentavano simultaneamene alla mente, ma al di sopra di tutto questo vi era una parola che con monotona e costante insistenza si ripeteva e ripeteva, era come una goccia d’acqua che cadesse sempre sullo stesso punto nel centro della testa: “Perchè?” Perchè devo io essere l’istrumento di un pazzo che con le sue chiacchiere erède di poter diventare il padrone del mondo? Perchè devo io rischiare la mia vita per mantenere e rafforzare un Sistema che mantiene gli operai in oppressione? Perchè devo io andare a combattere degli altri lavoratori che sia pure consciamente od incosciamente combattono per mantenere la lore liberta? Ne, il pazzo di palazzo Venezia nè l’altro scimmiotto di Berlino riusciranno ad opprimere e vincere i lavoratori del mondo, uniti i lavoratori di tutto mondo distruggeranno le forze barbare del fascismo.

Guardai ancora una volta verso la costa Italiana che scompariva all’orizzonte ed espresso un desiderio: “Italia, mia terra di nascita dove mia moglie e la mia famiglia mi attendono, che al mio ritorno, se sarò così fortunato da poter tornare, io ti possi finalmente ritrovare libera dall’obbrobrio fascista.

3-5-41. Sono pochi mesi che siamo in Libia. Cosa ci accadrà? Nessuno sa niente, siamo a pochi chilometri dal fronte ma nessuno sa niente.

Qui la città è tutta piena di “animali”, come mi fanno ribollire il sangue questi scimpanzè con le camicie nere. Quante ne hanno io fatte e quante ancora ne stannofacendo. Non si può neppure andare in una sala da ballo se non si ha la tessera fascista. Ho rischiata la vita, ho provato la fame, e proprio ora dovrei dar loro questa soddisfazione? No, no, verrà il giorno in cui finirà la cuccagna per questi banditi, ed allora faremo i conti, mamma mia non so nemmeno io quanti conti devo aggiustare.’ Che 1a vita, vivo soltanto per ricevere la posta, poter leggere le lettere di mia moglie, leggerie e rileggerle e  poi sognare che tutto è finito, che finalmente risiamo uniti in un mondo migliore, ma son soltanto sogni e quando si torna alla realtà, il risveglio è ancora più brutto, la lotta sepre più difficile e più lunga, ma bisogna lottare e bisogna vincere. Le lettere di mio padre sonorare a vaghe, lui sa come il censore stia attento a ciò che si scrive, e lui vecchio antifascista deve fare uno sforzo enorme per trattenersi dal dire ciò che pensa, ma pur le sue lettere mi danno forza perchè io le so interpretare e capisco che anche in Italia lui ed altri come lui continuano a lavorare per lacausa e sperano . . . sperano.

TOBRUK, LIBYA. 1941-03 TO 1941-06. AN ITALIAN OBSERVATION LADDER AND TRIG POINT AT 41594263, IMMEDIATELY TO THE NORTH OF THE BARDIA ROAD. (AWM Image 020165 Photographer John S Cumpston)